Sezione di Udine


La Sede nazionale ha diramato la seguente circolare:

Oggetto: manifestazioni A.N.A. e aperture sedi – applicazioni misure Covid-19.

Con riferimento a richieste di spiegazioni ed informazioni riferite all’oggetto, pervenute da alcune Sezioni, di seguito si riportano alcune indicazioni che si ritengono utili.

MANIFESTAZIONI
Le manifestazioni alpine, grazie ad un rallentamento della pandemia che però non consente di abbassare la guardia, sono state lentamente riprese con l’organizzazione di cerimonie e manifestazioni rigorosamente all’aperto, essendo comunque necessario mantenere la stretta osservanza della normativa anti Codiv-19 che impone, anche all’aperto, alcuni necessari adempimenti, a partire dal mantenimento del distanziamento sociale.
È possibile la somministrazione di cibi e bevande ma, in questo specifico caso andranno adottate le seguenti regole, alternative fra loro, la cui scelta è di competenza degli organizzatori, soprattutto in considerazione del numero dei presenti.
Due le possibilità con cui è possibile somministrare cibi e bevande:

  1. direttamente al tavolo: in questo caso il piatto (possibilmente monoporzione) deve essere servito ai presenti dagli operatori evitando assembramenti o congestione di persone tra i tavoli;
  2. direttamente al bancone: in questo caso le persone dovranno presentarsi in fila indiana in modo tale che il piatto venga direttamente ritirato da colui che lo consuma per cui non è possibile predisporre una linea self service, come siamo da sempre stati abituati, e questo per evitare che le persone passino davanti ai cibi che poi verranno consumati da altri; inoltre la linea di confezionamento (fatta da operatori dotati di mascherina, guanti e copricapo) dovrà essere realizzata verosimilmente alle spalle di chi consegna il piatto in modo tale che essa non sia accessibile al pubblico.

Infine sarà necessario predisporre altra autonoma postazione (fila indiana) per la raccolta delle prenotazioni e la consegna delle bevande rigorosamente in lattina o bottiglietta sigillate.

APERTURA SEDI
Con il mese di giugno è resa possibile la riapertura delle sedi/circoli ai soci anche se molti capigruppo, quali legali rappresentanti e quindi responsabili di quanto potrebbe verificarsi, hanno preferito rinviare l’apertura a settembre, essendo in capo al capogruppo l’osservanza delle misure anti Covid-19, valide per i nostri circoli come per tutti i locali aperti al pubblico.
È però importante riaprire le nostre sedi, punto di aggregazione e vitalità per i nostri soci oltre che segnale forte di fiducia per la popolazione, vedendo che gli alpini ci sono con le loro attività.
Le recenti disposizioni entrate in vigore il 6 agosto impongono ovviamente anche a noi l’obbligo di far accedere solo le persone vaccinate e/o dotate del cosiddetto Green Pass. Questo non dev’essere un problema dato che tutti gli alpini e soci aggregati sono da mesi simbolo di operatività e collaborazione ai centri vaccinali di ogni zona, anche perché ci auguriamo come la presenza in comando del nostro alpino Gen. Figliuolo, che si batte quotidianamente perché alla campagna di vaccinazione aderisca tutta la popolazione italiana, trovi quali primi aderenti proprio noi alpini: chi si vaccina lo fa prima di tutto per il bene degli altri e, su questo, crediamo che le penne nere debbano
essere ancora una volta esempio di civismo.

Login
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: